sabato 17 marzo 2012

MOON RIVER

Inesorabile come il festival di Sanremo, arriva l’ennesima esibizione musicale del sottoscritto. Stavolta, però, niente di cosiddetto “colto”, bensì una canzone, che però risulta tra le più belle che siano mai state scritte, tant’è che rimane bella persino se suonata da me.
Celebre perché nel film “Colazione da Tiffany” (che non ho mai visto) la cantava Audrey Hepburn, con voce sottile e una semplice chitarra in sottofondo.
Prevenendo legittime curiosità e domande in merito, chiarisco subito che il luogo dell’esibizione è il garage di casa mia, secondo una nobile tradizione soprattutto americana, quella di suonare nei garage (tant’è che esistono le “garage bands”, che forse si chiamano così perché nessuno permette loro di suonare in locali normali).
Buon ascolto (PS: coraggio, dura meno di due minuti).
(PPS: il post è orribilmente piatto e banalmente autocelebrativo , ma basta non farci caso)

 (al piano: io)

---000---

16 commenti:

  1. Wow! Ma sei migliorato tantissimo! Ora non perdo più il tuo link, eh!
    (mo' me lo riascolto ancora un po' di volte, bello!)

    RispondiElimina
  2. Moon River e' sempre di una delicatezza struggente

    RispondiElimina
  3. bello bello bello...ho sempre amato questo brano!
    complimenti!

    RispondiElimina
  4. Bravo, però il film dovresti vederlo, io l'ho visto almeno 10 volte, ma forse più...

    RispondiElimina
  5. Ciao Seven, grazie del commento.
    Ho controllato nello spam, ma non c'era un tuo precedente commento... va beh...

    intanto che ti scrivo ne approfitto per riascoltare ancora una volta Moon River...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok meglio così, in effetti ho visto che l'ultimo commento c'è.

      Elimina
  6. Da qui non la posso sentire, lo farò da casa.

    RispondiElimina
  7. Mi inchino di fronte al talento: poi mi piace il fatto che tu non l'abbia distorta o accelerata, ma abbia mantenuto lo spirito originale.

    PS: il film merita, e credo che "quella" Audrey avrebbe sciolto anche i cuori di ghiaccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Se il "talento" si riflette nell'aver aggiunto qualche arpeggio e qualche altra leggera modifica allo spartito, bè allora è un talento molto a buon mercato :-) Comunque è vero che ho cercato di mantenere lo spirito originale, mentre lo spartito avrebbe voluto un tempo più veloce ed un ritmo jazzato in 3/4, che però secondo me non farebbero assaporare la bellezza di certi passaggi.

      Elimina
  8. Adoro adoro adoro...
    Questo pezzo, come lo suoni, Colazione da Tiffany.
    Mi sento ogni volta come Lullaby alla stazione dei bus: non ce niente da fare se non infilarsi gli occhiali scuri.
    Vado a posizionare il dvd nel lettore, ch mi manca da almeno 4 mesi 'sto film.
    Però non so dove ho messo il filo di perle...uffa!
    (ha ragione sloggata: sei ancora migliorato)

    RispondiElimina
  9. Quasi quasi la canticchio e te la mando :P

    RispondiElimina
  10. mi è piaciuta. parecchio.

    RispondiElimina
  11. Una dolce melodia che evoca in me lontani ricordi e poi tu non te la cavi male,fai bene ad autocelebrarti.
    Felice giornata,fulvio

    RispondiElimina
  12. bello!
    mi emoziona sempre! :)

    RispondiElimina
  13. Un caro saluto anche da questa piattaforma!
    Michelle

    RispondiElimina